mercoledì, aprile 27

un messaggio d'amore

Oggi, in India, si terranno i funerali di Sathya Sai Baba.

C'è stato un periodo nella mia vita, quando ho frequentato un gruppo di Suoi fedeli, ma io stessa non posso definirmi tale, in quanto già da un po' non mi riesce di personalizzare l'adorazione; eppure la sua morte per un poco mi ha turbata. E come di fronte alle peggiori notizie di cronaca, mi è venuta la curiosità d'ogni notizia; ne è stato detto di tutto, che era un imbroglione, che era un santo, che era Dio.
Quello che è certo, come per un certo Avatar della tradizione cattolica, un tale Gesù, è che ha raccolto folle, in questo caso addirittura oceaniche, e che, imbroglione o meno, quello che insegna suona bello. E nella fisica si dci che una teoria, quando sia elegante, quindi bella, è anche vera.
E poi Dio, se permettete è il più grande imbroglione di tutti: ri-vela costantemente il segreto di Sè, come se fosse il trucco d'un prestigiatore!

Così, oggi ancora, il pensiero corre ad una delle sue manifestazioni; un essere (uomo o Dio, o UomoDivino) che ha cercato di trasmettere e tradurre per l'uomo di ogni giorno, l'amore infinito che dovrebbe colmare i nostri cuori, perchè è solo attraverso di esso che si può raggiungere la comprensione.
"L'amor che move il sole e l'altre stelle" ci conduce a superare quello spazio, incomprensibile alla mente, di cui parla Zenone nel suo paradosso, e che rimane invalicabile fino a che ci crediamo isolati in un bozzolo, e non parti integranti, integre e connesse, dell'armonia universale.
In questo spazio, dove Io (personalità) sono, non sono ancora riuscita a trovare Il compagno della mia vita. Ma in Quello spazio fra me e te, che talvolta si valica, mi rendo conto che ogni giorno la rete che ci avvolge allarga i suoi buchi. E nella minima percezione di qualche istante sparso nella mia vita, cerco di tenere viva la consapevolezza che ci sia qualcosa di più grande di noi... che non è altro da noi.
Con questo pensiero nel cuore, viva come mai, oggi vi abbraccio.


Tutti dovrebbero avere la certezza totale di essere l’Atma, l’Incarnazione del Sé Divino. Bisogna essere consapevoli del fatto che l’Atma non può essere tagliato in due dalla spada, che il fuoco non può bruciarLo, che l’acqua non può bagnarLo e che il vento non può disseccarLo. L’Atma non ha confini, il Suo centro è nel corpo ma la circonferenza è illimitata; “morte” significa che l’Atma si è spostato da un corpo a un altro. Questa è la certezza sicura che dovete avere in mente. L’Atma non è soggetto alle limitazioni o alle leggi del mondo, è libero proprio per Sua natura, è illimitato, è purezza, santità, pienezza.
Sai Baba

11 commenti:

Madama Dorè ha detto...

C'è chi loda e chi denigra ma hai ragione: bisogna ringraziare l'Universo ogni volta che dall'Umanità fiorisce un illuminato che ci ricorda che siamo creature di luce. Un abbraccio.

Sabrina ha detto...

gli hai reso omaggio degnamente con questo tuo post,complimenti!

albafucens ha detto...

la notizia ha lasciata un po' disorientata e turbata anche me, perché nonostante non ne seguissi gli insegnamenti.. molti li condivido e li trovo assai profondi..

e trovo il tuo post un belissimo omaggio e ricco di riflessioni belle ed intense

un caro saluto e un abbraccio

Lila ha detto...

@ Madama Dorè
si. RIngraziamo. Come alla fine di un esercizio di Yoga, per una parte dell'universo è suonato il timer. Ma il Kryia deve continuare..
(the show must go on, direbbero altri!)
ti abbraccio

@Sabrina
:)


@ albafucens
ancora una volta, saranno le parole a rimanere.Facciamo tesoro di ciò che condividiamo :)
un abbraccio a te

TuristadiMestiere ha detto...

io non ho approfondito la persona di Sai Baba né mai un suo discorso. Ma trovo il brano che hai postato molto intenso e tu...molto ispirata!!! :D

Lila ha detto...

@ Turista di Mestiere
approfondito non l'ho nemmeno io, la frase è la prima che ho trovato nei 'messaggi' sul sito che ho curiosato. faceva al caso..
per il resto, grazie!

Angelo azzurro ha detto...

Di una cosa sono convinta: che facciamo tutti parte di un grande Progetto Unico. Parte integrante ed attiva intendo. Poi, il nome che si vuol dare a questo Progetto cambia a seconda delle varie correnti religiose, ma la sostanza non cambia.

Lila ha detto...

@ Angelo azzurro
è proprio vero, quello che dici. grazie mille del tuo contributo :)

albafucens ha detto...

concordo le parole che tanto esprimono e possono.. restano e sopravvivono :)
un caro saluto

TuristadiMestiere ha detto...

passavo di qua per lasciarti un salutino ^__^

Lila ha detto...

@ albafucens
grazie. Un caro saluto a te, e un bell'abbraccio!


@Turista di Mestier
grazie del passaggio e del saluto. E del tuo bel blog :)